bianco

Guarda:
come sono in disordine le stelle!
Solo il vestito è uguale,
splende bianco

Non vesto mai di bianco
nemmeno in sogno
A entrarci dentro
è violento come il silenzio e la neve
come una possibilità a passeggio sul vuoto
e io non ho il fulgore delle stelle

Qualcuno viene a curiosare,
mille maschere colorate
vede sulle mie dita.
Beve nel mio bicchiere
la sete di una vita
che m’è finita in grembo,
scivolando
fra rocce e crepacci
arrampicandosi
senza lasciare traccia

Viaggia dentro una ruga del mio volto
Ricordi al posto degli anni
ha quella ruga
e anni senza giorni

Un tempo come me
guardò le stelle,
ammette,
quando in sogno
faceva il cercatore d’oro

Bianche e silenziose,
sono ancora in disordine le stelle?

(da “E dietro le spalle gli occhi”)

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito